FAVARA-Mostra “Il Brutto Anatroccolo” di Letizia Lo Monaco, un viaggio alla riscoperta della propria unicità

Successo di pubblico e di consensi per la particolare e suggestiva mostra dal titolo

“Il Brutto Anatroccolo-L’ esilio e il ritorno al sé”, dell’ Artista Letizia Lo Monaco, avente come location il Castello Chiaramonte di Favara.

Un viaggio interamente dedicato alla figura della donna, nella sua accezione più intima ed introspettiva.

Sono 19 le opere esposte, eterogenee eppure legate da un fil rouge: dei tasselli di un puzzle, momenti diversi della carriera dell’ artista che corrispondono anche alle disparate sfaccettature della donna, spesso celate, represse, rimosse. Un divario abissale quello tra l’ ancestrale natura femminile e i cliché imposti dalla società, dai media e da meccanismi insulsi  spesso distruttivi per la vera essenza del femminile.

La manifestazione è  promossa dall’associazione culturale FIDAPA, presieduta dall’  avv. Elisa Cilona. Madrina dell’ evento Florinda Saieva, founder di Farm Cultural Park:” La sinergia tra l’ artista Letizia Lo Monaco e Farm Cultural Park, nasce già quest’ estate, per una presentazione svoltasi presso la nostra sede in collaborazione con Edoardo Alaimo. Questa mostra vuole raccontare quello che è in parte il percorso artistico dell’ artista, trattando il tema della donna. Abbiamo scelto questa location perché volevamo che in questa speciale data la cittadinanza potesse fruirne.”

 Si parte da un brutto anatroccolo per ritrovare il sé. Questa donna è forse troppo bombardata dai media, che la vogliono imprigionata all’ interno di un ideale irraggiungibile ed artificioso? : “Il brutto anatroccolo-racconta Salvatore Morgante, Artista e curatore della mostra-è una metafora che ci introduce, secondo l’ ottica dell’ artista, alla concezione di donna, figura che,  nel corso dei secoli è stata bersaglio di abusi e soprusi: quindi questa donna che prende l’ identità di brutto anatroccolo, riscopre il sé e si impone come donna, madre, professionista, artista, come donna dotata di pensiero: donna che ha un legame tra il sé e l’ intimo del sé  e non ha paura di gridarlo al mondo.

E’ un urlo silente quello di Letizia Lo Monaco, un racconto, un percorso di quasi 40 anni di attività artistica.

E’ una donna che va conosciuta, non solo attraverso le sue opere. L’ Artista Lo Monaco una donna aristocratica, semplice e complicata al contempo: semplice perché  bada al concreto delle cose, complicata perché dietro quel pensiero concreto c’è una struttura fatta di emozioni, letture, formazione dove emerge quella che è la vera identità: una sensibilità che non è comune. Letizia è speciale perché al di là del suo personale linguaggio artistico,  ha dei richiami nella storia dell’ arte ma rimane cmq molto originale.  E’ un’ artista poliedrica che ama molto sperimentare, un’ artista completa a tutto tondo. Questa mostra legata al concetto di donna ci introduce nel suo mondo, che è fatto di una produzione molto ampia e ricchissima di sfumature.”

Una donna che parla alle donne, afferma Edoardo Alaimo,  (tra più importanti web influencers nel sistema moda, nonché figlio dell’ artista),  attraverso la sua arte che racchiude un messaggio ben preciso, quello di disfarsi da ogni paura e condizionamento per far emergere la propria natura: solo così  il brutto anatroccolo si tramuterà in un magnifico cigno.  La femminilità è un valore con un forte peso specifico ed è di fondamentale importanza  riportare alla luce ciò che di più prezioso possediamo: l’ unicità.

 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*