AGRIGENTO- Seconda Edizione Primaverile del Caffè Letterario “Sulla Strada della Legalità”, riepilogo e prossimo appuntamento.

Mattinata  ricchissima di spunti e di riflessioni quella che ha visto protagonisti gli studenti dell’I.T.C. “Leonardo Sciascia” di Agrigento incontrare l’ autrice Alessandra Turrisi nel corso del primo appuntamento del Caffè Letterario “Sulla strada della Legalità” II ed. primaverile.

“Quest’ anno abbiamo voluto arricchire la manifestazione lanciando l’iniziativa della presentazione di un elaborato che può essere di natura saggistica o letteraria.

Un’ occasione importante in cui i ragazzi possono confrontarsi con giornalisti, autori e forze dell’ ordine.

Glie elaborati saranno valutati con attenzione e poi avverrà la premiazione con le pergamene.” Ha osservato il Vice Questore Vicario della Questura di Agrigento, Giuseppe Felice Peritore.

“Il valore del Caffè Letterario si lega proprio agli incontri con autori che hanno dimostrato di essere persone di indubbio valore.” sottolinea il Prof. Enzo Alessi coordinatore degli incontri.

Ripartono così gli  incontri dedicati agli Istituti superiori di Agrigento, promossi da dalla Questura di Agrigento in collaborazione con l’ Associazione Culturale “Emanuela Loi” presieduta da Fabio Fabiano, coordinati dal  prof. Enzo Alessi e curati da Angelo Leone, in cui si discutono pubblicazioni che vertono sull’ affermazione del principio di Legalità.

Presenti il Prefetto Dario Caputo, il Questore Maurizio Auriemma, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Pietro Maggio e il Comandante provinciale dei Carabinieri Giovanni Pellegrino.
Nel corso dell’ evento i ragazzi dell’I.T.C. “Leonardo Sciascia” di Agrigento hanno posto diverse domande all’ autrice sul tema della Legalità.

Nel  suo libro “Paolo Borsellino. L’uomo giusto”, pubblicato con San Paolo edizioni, emerge fortemente l’ umanità del giudice Borsellino, attraverso diverse voci che si intrecciano e convergono tra loro: Diego Cavaliero, Giovanni Paparcuri, Pietro Di Pasquale, Cosimo Scordato,  Matteo Frasca, Francesco Ficarrotta, il figlio Manfredi  e tanti altri. Sono tutte testimonianze preziose  che ci forniscono una prospettiva molto ampia e molto toccante della personalità di un uomo che dedicò tutta la sua vita all’ affermazione dei valori di giustizia e legalità e lo fece sempre, in modo coerente.

Paolo Borsellino dai racconti contenuti nel mio libro viene fuori come uomo rigoroso ma sempre attento all’ umanità dell’altro. Credo che stare attenti all’ umanità dell’ altro aiuti al dialogo e probabilmente incide anche su un possibile cambio di rotta dell’ interlocutore.” Alessandra Turrisi.

La manifestazione ha visto anche l’ intervento della  poetessa Liliana Arrigo che ha declamato la poesia dal titolo: “Senza più Tempo”.

Il prossimo incontro sarà con Simona Lo Iacono autrice del  libro “Il morso”, edito Neri Pozza.

Simoma Lo Iacono Premio Racalmare 2017, magistrato a Catania. Cura  circoli di lettura e convegni letterario-giuridici. Fa parte dell’associazione europea dei giudici-scrittori e della Società Italiana di Diritto e Letteratura. Scrive sul “La Sicilia”.

IL MORSO, sinossi: con un linguaggio incisivo ed efficace e una prosa impeccabile viene tratteggiata una storia di struggente bellezza su un personaggio storico realmente esistito: Lucia Salvo, detta «la babba». Un personaggio femminile unico, fragile e determinato, animato da una vibrante e tesa vitalità.

Anche per questo secondo appuntamento, il Questore di Agrigento Maurizio Auriemma,   prestando particolare attenzione ai giovani, future classi dirigenti, ha voluto aprire le porte della struttura del Ministero dell’Interno non solo alla cittadinanza ma anche invitando  due classi di studenti dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “E. Fermi”,  che accompagnati dal Dirigente Scolastico  e dai rispettivi  docenti  interagiranno proficuamente con l’autrice del libro.

Prossimo appuntamento sabato 14 aprile ore 11.00 presso il centro Balneare Polizia di Stato, San Leone (Ag).

L’ingresso è libero.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*