RAFFADALI-Premio letterario “Alessio Di Giovanni”, l’ importanza di salvaguardare l’ Identità

Ripartono i preparativi per  il Premio Nazionale Letterario “Alessio Di Giovanni” giunto alle sua XXII edizione.

La manifestazione è promossa dall’ Accademia Teatrale di Sicilia, presieduta da Tonina Rampello con la direzione artistica di Enzo Alessi.

Tra le novità di quest’ anno il rafforzamento delle giurie che saranno non più tre ma quattro: poesia in lingua siciliana; poesia in lingua italiana; racconti in lingua siciliana; racconti in lingua italiana. Le opere saranno valutate da giurie di esperti. Altre commissioni decideranno poi i premi Speciali per i seguenti settori: teatro, cinema, comunicazione, tradizioni popolari, impegno sociale, musica, canto, narrativa, storia patria, saggistica e  scuola. A questi si aggiungono i premi del presidente e del direttore artistico.

Inoltre, prima di arrivare alla cerimonia ufficiale che si svolgerà come da tradizione nella prima decade di settembre, sono previsti due incontri dedicati alle Identità siciliane e alla lingua siciliana.

Il Premio che si configura ormai come una macchina collaudata è cresciuto sempre di più negli anni per prestigio e credibilità. Ma qual è il segreto di questa manifestazione?

“E’ grazie alla serietà, al rigore delle giurie, al fatto che si è sempre puntato alla qualità, alle scelte sociali importanti che guardano al mondo della legalità e al mondo di coloro che lavorano e rischiano anche per la dignità dei siciliani e quindi tutto questo ha creato un grande interesse attorno al Premio Alessio Di Giovanni.-Osserva il direttore artistico, prof Enzo Alessi- L’ Obiettivo principale del Premio è semplicemente quello di raccogliere l’ appello che fece Alessio Di Giovanni cioè quello di ridare valore al concetto di  identità, il valore del territorio. Di Giovanni fu oltretutto caposcuola del movimento felibrista (movimento letterario nato in Francia, a Font Ségune vicino a Vaucluse, nel 1854 che, traendo spunto dal movimento romantico e dall’attenzione da esso mostrata alle identità nazionali e locali, per valorizzare la difesa della lingua ponendo la salvaguardia dell’identità culturale.) che si occupava dello studio del proprio territorio sotto il profilo della parlata e delle tradizioni popolari ed è proprio questo che anche noi cerchiamo di fare.”

E ancora sottolinea l’ importanza fondamentale  e la necessità di promuovere  e salvaguardare l’ identità: “L’ obiettivo non è quello di chiudersi ma al contrario, offrire gli aspetti di valore, ciò che ogni territorio possiede.”

La scadenza per partecipare è fissata al 31 maggio 2019.

 Le opere vanno inviate secondo le modalità previste nel bando. Gli elaborati vanno inviati al seguente indirizzo postale: Accademia Teatrale di Sicilia “Premio Alessio di Giovanni”, Piazza Cesare Sessa n. 21, 92015 Raffadali (Prov. Agrigento).

Per il regolamento consultare il link di seguito:

http://alessiodigiovanni.blogspot.com/

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*