SEI DI…”CAMPOFRANCO/SUTERA” !!!! SPOPOLA NEL PLATANI dei social network

                           

Nel 2014 dove i social network la fanno da padrone  continua l’evoluzione del gruppo “Sei di Campofranco…”, un gruppo di 1092 membri in continua crescita  nato sotto il segno dei ricordi  di ogni membro, cittadino o paesano, che si iscrive e che pubblica le proprie storie che suscitano tanti ricordi nelle persone che leggono i suoi post..   Ma partiamo dalle origini. Sei di.. viene creato da un Campofranchese Doc,  “Marco Falletta”, emigrato al nord ma sempre legato al piccolo paese sicano di cui è praticamente innamorato. Ne abbiamo discusso con lui, e ci ha raccontato da dove e scaturita la realizzazione di questa pagina Facebook: “E’ stato più la voglia di coinvolgere quanto più gente per ricordare tempi passati e presenti…esclamazioni e modi di dire che pian piano stanno scomparendo….”   Sull’entusiasmo del gruppo campofranchese  anche a Sutera il giovane Pietro Alongi, anche lui emigrato ( Sarà un caso! ) come  il suo collega campofranchese Marco Falletta e sempre innamorato di Sutera,  ha creato  il gruppo “Sei di Sutera se.. “, che dopo poche ore contava già 390 membri. Abbiamo parlato anche con Pietro, che ci ha detto la sua:  “Qualche giorno fa mi ero iscritto al gruppo su facebook della città in cui sono nato, cresciuto ed in cui vivo “Sei di Pavia se…” che nella mia città ha riscosso molto successo. Grazie a quel gruppo ho conosciuto cose nuove sulla mia città, da Gianni Morandi che faceva il servizio militare a Pavia al fatto che fecero un’edizione del Festivalbar e tante altre cose; ho potuto rivivere cose che non sapevo o perché troppo giovane anagraficamente o soprattutto perché molte cose i miei genitori non me le hanno potute raccontare proprio perché sono nati e cresciuti a Sutera! Considerando Sutera un paesino davvero unico e oggettivamente bello (una sorta di Portofino del Sud, però in montagna!) e un paesino in cui ho tutti i miei parenti e amici che colorano di gioia ogni mia Estate, ho pensato di crearne uno su Sutera! Emozionandomi ogni volta che ascolto i miei genitori che raccontano i loro ricordi suteresi ho pensato di creare il gruppo “Sei di Sutera se…!” in modo che chiunque possa raccontare ciò che lo fa sentire suterese condividendolo con gli altri. Sentirsi parte di un luogo è davvero importante, e Sutera è per me una città che porto nel cuore, un paese in cui domani vorrò portare i miei figli e dirgli: “Qui ci abitava la nonna, qui giocava il nonno da piccolo” e…”Qui venivo ogni estate per Sant’Onofrio!”. Credo che conoscere le proprie radici sia importante, solo così può crescere un albero!”

Ben vengano queste iniziative in un secolo dove si sente parlare dei vari social network solo in modo negativo, ma quando il fine è quello di riunire piu’ persone delle stesse origini,  alla ricerca di bei ricordi, non ci resta che applaudire i due giovani emigrati delle zone del platani e sperare che altri continuino cosi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*